Il dietista come personal shopper nell’aiutare i consumatori ad acquistare cibi sani, nel rispetto di una corretta alimentazione. Dal prossimo 16 aprile si potrà fare  a Torino, per iniziativa di Nova Coop, cooperativa leader in Piemonte nella grande distribuzione organizzata, che proporrà “info.food”, il primo servizio gratuito in Italia di consulenza nutrizionale rivolto  ai soci e consumatori.

Andando a fare la spesa negli  Ipercoop di Torino e  di Chieri e Collegno (Torino) sarà  così possibile usufruire di consigli e suggerimenti di una dietista a disposizione del pubblico per quanto riguarda il tema della corretta alimentazione e del benessere.  Enrico Nada, responsabile delle politiche sociali di Nova Coop, sottolinea la tradizione della cooperativa, nata nel 1990 dalla fusione tra Coop Piemonte e Coop Cpl di Galliate (Novara),  che fin dal proprio statuto si propone non solo di vendere merce di qualità ma anche di informare e tutelare i consumatori.

Come nasce l'idea di Info.food?

"Nasce proprio da questa nostra tradizione. Fino agli anni ’70 l’attenzione  era quasi esclusivamente rivolta alla qualità della merce in vendita poi a poco a poco è cresciuta la necessità di informare a diversi livelli: attualmente nel solo Piemonte sono circa 1000 le classi che coinvolgiamo ogni anno sui temi dell’educazione alimentare; per gli adulti oltre alla tradizionale informazione cartacea o online, organizziamo una quarantina di corsi di cucina, incontri con esperti nei nostri punti vendita, momenti di confronto".

Appuntamenti in cui riscontriamo una notevole adesione. E’ stato, quindi, un cammino di crescita progressivo di questa attenzione all’informazione dei clienti fino ad arrivare oggi proprio a realizzare ‘info.food’, ossia ‘cibo e sapere’. Un appuntamento, che ci sembrava giusto fare debuttare nel mese di aprile, mese in cui cade la Giornata Mondiale della Salute".

Come sarà organizzato il servizio?

"Una dietista, quindi, una persona con una professionalità specifica sul tema della nutrizione, sarà in giorni stabiliti in alcuni dei nostri punti vendita, a disposizione dei clienti per informazioni e suggerimenti sul tema della corretta alimentazione e del benessere. Partiremo con tre ipermercati a Torino e provincia, poi se, come pensiamo, funzionerà, dopo una sperimentazione di circa un anno, intendiamo svilupparla in tutti gli altri nostri punti vendita"                                                      .

Per realizzare l’iniziativa, prima nel suo genere in Italia,  ci siamo avvalsi della collaborazione del corso di laurea in dietistica della scuola di medicina dell’Università di Torino e delle Asl del territorio in un gioco di squadra che ha l’obiettivo di migliorare l’abilità delle persone nel compiere le scelte giuste di consumo e aiutare le famiglie a promuovere stili di vita salutari.  Una necessità evidente in un Paese come l’Italia dove, secondo una ricerca condotta recentemente da ‘Okkio alla salute’, un progetto di monitoraggio sostenuto dall’Istituto superiore di sanità, su un campione di 48.400 genitori e 48.900 bambini di oltre 2600 classi, il 21,3% è in sovrappeso e il 9,3% è obeso".

Info.food  è la prima vostra iniziativa che si occupa di salute e benessere?

"No, rappresenta un tassello di un progetto molto piu’ ampio.  Dal 2017 abbiamo avviato una collaborazione con Giorgio e Maurizio Damilano, simboli per noi dello sport vincente e pulito, per avviare sessioni di Fitwalking a disposizione dei nostri clienti. Il primo anno sono stati circa 80 i soci partecipanti a Cuneo, Torino, Novara e Gravellona. Quest’anno riproponiamo l’appuntamento e fino al prossimo 16 giugno sono previste uscite settimanali ed anche un incontro con i fratelli Damilano. Ogni anno poi in alcuni dei nostri centri commerciali organizziamo l’Obesity Day con la presenza di un medico a disposizione del pubblico, sempre nell’ottica di una maggiore sensibilizzazione il più possibile vicino alla gente".

E per il futuro? Svilupperete ancora il settore del benessere e salute?

"Certamente sì. E’ un filone che abbiamo avviato da tempo e non intendiamo abbandonare. Qualche idea al momento c’è ma il nostro impegno ora è fare conoscere Info.food e raggiungere il maggior numero possibile di persone, nella consapevolezza che con una buona alimentazione e corretti stili di vita possiamo stare meglio oggi e prevenire le malattie di domani".

 

Source: http://www.agi.it/lifestyle/

Alla Coop di Torino si potrà fare la spesa con un dietista che ti accompagna