La storia di Giulio e Chiara sta tutta in questa frase. “Abbiamo deciso di provare a fare un’esperienza all’estero: qualunque posto sarebbe stato meglio dell’Italia”. Lui si occupa di scultura, pittura e installazioni artistiche. Lei, dopo aver concluso un master sulla curatela alla Luiss di Roma, ha ricevuto proposte da numerose gallerie e centri culturali. Oggi Giulio Giustini, 37 anni da Sansepolcro e la sua compagna Chiara Vignudelli, 32 anni da Roma, vivono e lavorano a Berlino. “La Germania protegge i creativi, agevolandoli nelle spese sanitarie e garantendo loro pensione senza pagare i contributi. Qui credono negli artisti e nel loro apporto di ricchezza al Paese – raccontano –. In Italia l’arte è considerata un hobby per ricchi, non un lavoro”.
La prima volta che hanno lasciato l’Italia era il 29 agosto 2015, poco più di tre anni fa: “Avevamo la volontà di aprire i nostri orizzonti in campo lavorativo, poi ci siamo accorti che la montagna non era così insormontabile”, ricorda ..

L’articolo “Berlino lontana dall’individualismo italiano. E qui fare arte è un lavoro, non un hobby per ricchi” proviene da Playhitmusic.


Source: playhitmusic

“Berlino lontana dall’individualismo italiano. E qui fare arte è un lavoro, non un hobby per ricchi”