offerte.cpsPromo.sales.giulietta
Mag 15, 2019
34 Views
Commenti disabilitati su Cannes 2019: Jim Jarmusch presenta la zombie comedy The Dead don’t Die
0 0

Cannes 2019: Jim Jarmusch presenta la zombie comedy The Dead don’t Die

Written by
TS trade ingrosso intimo calze e pignami per uomo donna e bambino in Calabria
{ "slotId": "", "unitType": "normal", "pubId": "pub-1321752045367161" }

Cannes 2019: Jim Jarmusch presenta la zombie comedy The Dead don’t Die

Cannes 2019: Jim Jarmusch presenta la zombie comedy The Dead don’t Die

“Vedere il declino della natura è terrificante”. Nonostante abbia parlato di zombie e poliziotti invischiati nel’Apocalisse, Jim Jarmusch ha dimostrato di avere a cuore un tema molto preciso, durante la conferenza stampa di The Dead don’t Die a Cannes 2019. Il regista statunitense ha dichiarato: “La politica non mi interessa, mi interessa la consapevolezza delle persone. La politica è una forma di distruzione, è politica delle multinazionali. La questione è nelle nostre mani, chiunque di noi può scegliere di boicottarle.”

Non è la prima volta che Jarmusch si avvicina al genere horror, ma come ogni autore con una voce propria e riconoscibile, prende il genere e lo trasforma, lo usa come strumento per raccontare cosa gli passa per la testa. Tuttavia il legame con l’horror per Jarmusch sembra cominciare da molto lontano: “La notte dei morti viventi è il primo horror che ho visto. Romeo ha cambiato l’idea degli zombie e dei mostri. Non sono mostri stranieri, che vengono dall’esterno della comunità, ma sono tra noi e non sono solo degli avversari ma sono anche delle vittime”.

E ancora di Romero parla il regista, in merito alle tante letture che sono state offerte del film da parte della stampa: “Le metafore inventate da Romero sono così forti che molte delle cose che ho letto sul film non le avevo neanche pensate.” E si ferma anche a commentare le voci che sono circolare all’indomani dell’annuncio del film, che lo volevano in qualche modo collegato a Solo gli amanti sopravvivono: “Non guardo indietro, ma per me quel film era una storia d’amore che utilizzava la metafora dei vampiri, in questo caso è diverso. Non volevo fare uno splatter, per cui gli zombie finiscono essiccati in un mare di polvere, non volevo che ci fosse un bagno di sangue, mi sono limitato solo alla scena della loro prima apparizione”.

E come ogni personaggio famoso che ha i propri miti, anche Jim Jarmusch si emoziona come un ragazzino di fronte ai registi che ammira: “Parlando di horror, posso dire che è stato molto fico incontrare per la prima volta qui, l’altra sera, Dario Argento e John Carpenter”.

The Dead don’t Die, recensione del film di Jim Jarmusch

Cinefilos.it – Da chi il cinema lo ama.

Cannes 2019: Jim Jarmusch presenta la zombie comedy The Dead don’t Die

“Vedere il declino della natura è terrificante”. Nonostante abbia parlato di zombie e poliziotti invischiati nel’Apocalisse, Jim Jarmusch ha dimostrato di avere a cuore un tema molto preciso, durante la conferenza stampa di The Dead don’t Die a Cannes 2019. Il regista statunitense ha dichiarato: “La politica non mi interessa, mi interessa la consapevolezza delle […]

Cinefilos.it – Da chi il cinema lo ama.

Chiara Guida

Article Categories:
Cinema
Circosta Auto

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: