Edoardo Bennato – I BUONI E I CATTIVI

Edoardo Bennato – I BUONI E I CATTIVI

I BUONI E I CATTIVI Edoardo Bennato Ricordi (CD)
di Ivano Rebustini
Durante l’estate, riscopriamo album classici della musica italiana, con recensioni dall’archivio di Rockol.
Nel 1980 Gianni Morandi, non più e non ancora “Uno di noi”, ma solo un vecchio (a 36 anni…) studente del conservatorio romano di Santa Cecilia, classe di contrabbasso, rianima la carriera di cantante con un disco live programmaticamente intitolato “Cantare”. Questa è solo in apparenza un’altra storia, perché il 33 si apre con una canzone di quelle eterne, che spiega – ben prima delle puntigliose precisazioni, scritte un po’ a tavolino, di “Uno su mille” – la disillusione di chi si è ritrovato sul fieno di una stalla dopo aver abitato una stella. La canzone s’intitola “Un giorno credi”, testo di Patrizio Trampetti, componente storico della Nuova compagnia di canto popolare, musica di un venticinquenne napoletano “rinnegato” e “sbandato”, fratello minore di Eugenio Bennato, un altro dell’allegra Compagnia.
Nel..

L’articolo Edoardo Bennato – I BUONI E I CATTIVI proviene da Playhitmusic.


Source: playhitmusic

Edoardo Bennato – I BUONI E I CATTIVI