offerte.cpsPromo.sales.giulietta
Mag 16, 2019
24 Views
Commenti disabilitati su James Gunn rompe il silenzio e parla del licenziamento e Guardiani 3
0 0

James Gunn rompe il silenzio e parla del licenziamento e Guardiani 3

Written by
TS trade ingrosso intimo calze e pignami per uomo donna e bambino in Calabria
{ "slotId": "", "unitType": "normal", "pubId": "pub-1321752045367161" }

James Gunn rompe il silenzio e parla del licenziamento e Guardiani 3

James Gunn rompe il silenzio e parla del licenziamento e Guardiani 3

Intervistato da Deadline James Gunn ha finalmente rotto il silenzio sugli argomenti che l’hanno visto al centro del circuito mediatico da quest’estate ad oggi, complice l’improvviso licenziamento dalla regia di Guardiani della Galassia Vol.3 (a Luglio 2018), l’assunzione della concorrenza Warner Bros. per il progetto del reboot di Suicide Squad, infine il ritorno inaspettato alla guida del terzo capitolo del franchise da lui condotto per i Marvel Studios e l’affetto del cast, della famiglia e dei fan.

Stavo per iniziare le prime discussioni su The Suicide Squad con la DC e ne ero entusiasta, quando Alan Horn della Disney mi chiese se potevamo parlare. Credo davvero che sia un brav’uomo e che mi abbia reintegrato perché pensava che fosse la cosa giusta da fare. Mi è sempre piaciuto e l’ho ammirato per quello che ha fatto, soprattutto per la compassione  mostrata nei miei confronti“, ha confessato Gunn.

Si sentono tante storie sul fatto che a Hollywood sono tutti spietati. Questo è vero per una parte di questo settore, ma ci sono anche molte persone davvero buone, e voglio sempre trovare quella bontà in posti che non ci aspettiamo, anche nei personaggi dei miei film. Ho pianto un po’ nel suo ufficio, e poi sono andato da Kevin Feige per comunicargli che avevo appena deciso di fare The Suicide Squad…e la cosa mi rendeva molto nervoso.”

Sulla difficoltà di conciliare i due progetti, il regista ha spiegato che mentre scriveva la sceneggiatura di The Suicide Squad era convinto dell’annullamento di Guardiani 3: “Sì, mi stavo occupando della stesura di Suicide Squad e pensavo che il film fosse al capolinea da tempo. Immagino che i Marvel Studios abbiano considerato quella possibilità per un po’, ma le conversazioni iniziali con Alan non riguardavano il mio ritorno, quanto invece le cose che avremmo dovuto riparare. È come quando divorzi: termini un matrimonio, e dopo discuti legalmente con la tua ex-moglie, e si può andare d’accordo ed essere gentili l’uno con l’altro perché siamo entrambi una grande parte della vita dell’altro“.

Al tempo stesso ripensi ai sei anni passati insieme, e a come quel periodo mi abbia aiutato a crescere molto. C’erano sicuramente dei problemi, forse non dovevamo sposarci, ma valeva la pena vivere quei sei anni con la mia ex. Ecco come mi sentivo con la Disney. Non volevo guardare indietro e sentirmi amareggiato o arrabbiato, ma solo a mio agio nel salutarci e dividerci”.

James Gunn

Sul licenziamento e le sensazioni provate Gunn si è lasciato andare liberamente:

Non incolpo nessuno. Mi sento e mi sono sentito male per i modi con cui mi sono espresso pubblicamente…alcune delle battute che ho fatto, e gli obiettivi del mio umorismo, sono solo le conseguenze involontarie del non essere più compassionevole. So che le persone sono rimaste ferite dalle cose che ho detto, mi sento male per questo e mi assumo la piena responsabilità. La Disney aveva tutto il diritto di licenziarmi, e non si tratta di un problema di libertà di espressione. Ho detto qualcosa che non mi piaceva“.

Il giorno dopo è stato uno dei più intensi della mia vita. Ho avuto altri giorni difficili, come quando  da giovane sono diventato sobrio fino alla morte di amici che si sono suicidati. Ma questo è stato incredibilmente intenso. Improvvisamente sembrava che tutto fosse finito. Sapevo solo che, senza prevederlo, ero stato licenziato. Sembrava che la mia carriera fosse finita.

E poi è arrivata la chiamata della Warner Bros. per Suicide Squad:

Gli studios mi dicevano che gli sarebbe piaciuto avermi in squadra. Non ci credevo, all’epoca. Sarò sincero: a livello teorico, pensavo “Beh, forse ho un futuro.” A livello emotivo, ero a pezzi. Non volevo che la mia carriera fosse l’unica cosa a rendermi utile o che mi facesse star bene con me stesso […] Per quanto riguarda Suicide Squad, tutto ha immediatamente iniziato a funzionare in modo fluido. Non penso di essermi mai divertito così tanto a scrivere una sceneggiatura. Ecco cos’è stato per me: puro divertimento“.

Ma non dimentichiamoci che, terminati i lavori su The Suicide Squad, James Gunn tornerà a dedicarsi a Guardiani della Galassia Vol.3.

Sapete qual era la cosa più triste a cui ho pensato dopo il licenziamento? La fine del mio rapporto con Rocket. Rocket sono io, davvero, anche se sembra un pensiero narcisistico. Groot è come il mio cane. Lo amo in un modo completamente diverso. Ma Rocket sono io e provo compassione per lui, perché sento che la sua storia non è stata completata. Ha un arco narrativo che è iniziato nel primo film, proseguito nel secondo e che ha attraversato Infinity War e Endgame. Quindi l’obiettivo ora è finire quell’arco in Guardiani 3“.

Fonte: Deadline

Cinefilos.it – Da chi il cinema lo ama.

James Gunn rompe il silenzio e parla del licenziamento e Guardiani 3

Intervistato da Deadline James Gunn ha finalmente rotto il silenzio sugli argomenti che l’hanno visto al centro del circuito mediatico da quest’estate ad oggi, complice l’improvviso licenziamento dalla regia di Guardiani della Galassia Vol.3 (a Luglio 2018), l’assunzione della concorrenza Warner Bros. per il progetto del reboot di Suicide Squad, infine il ritorno inaspettato alla […]

Cinefilos.it – Da chi il cinema lo ama.

Cecilia Strazza

Article Categories:
Cinema
Circosta Auto

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: