Hanno deciso di spostare la protesta a Roma, i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, rispettivamente Angelo Sposato, Tonino Russo, Santo Biondo. Decisione assunta a seguito della mancanza di risposte del Governo in merito ai 4.500 lavoratori Lsu e Lpu della Calabria che questa mattina hanno tentato di bloccare i traghetti e poi hanno attuato una protesta sui binari della stazione di Villa Sa Giovanni. La mobilitazione si sposterà quindi a Roma al Senato della Repubblica per giovedì 20 dicembre e in concomitanza ai lavori parlamentari, mantenendo anche la mobilitazione nei comuni calabresi. Gli incontri tenutisi nelle Prefetture di Reggio Calabria e di Cosenza, secondo i sindacati, non hanno dato risposte significative per la soluzione della problematica, né i parlamentari calabresi di maggioranza hanno dato prova di responsabilità per una soluzione della vertenza. Per questo motivo Cgil, Cisl e Uil si dicono “indignate per questo atteggiamento dei diciotto parlamentari calabresi e del Governo del Popolo che alla prima difficoltà ha abbandonato il popolo.
http://www.cn24tv.it

Lavoratori Lsu – Lpu, mobilitazione si sposta a Roma