Ott 12, 2019
21 Views
Commenti disabilitati su Domeniche di carta. Biblioteche e archivi aperti in Calabria

Domeniche di carta. Biblioteche e archivi aperti in Calabria

Written by

Domeniche di carta. Biblioteche e archivi aperti in Calabria

Ritorna in Calabria la manifestazione Domeniche di carta che, promossa dal Mibac Ministero per i beni e le attività culturali, apre le porte delle biblioteche e degli archivi statali. Per l’occasione in Calabria apriranno la Biblioteca comunale “P. De Nava” di Reggio Calabria; l’archivio di via Moro a Lamezia Terme; l’archivio di Catanzaro. A Reggio la struttura rimarrà aperta dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20, quando il personale della Biblioteca sarà a disposizione per guidare i visitatori alla scoperta del grande ed importante patrimonio custodito nella sede centrale e nella Villetta P. De Nava: il Codex Purpureus – risalente al VI sec. d.c. che contiene i vangeli di Matteo e di Marco; il Commentarius in Pentateuchum di RASHI – incunabolo, primo libro al mondo che reca data certa, stampato a Reggio Calabria nel 1475; la Divina Commedia – stampata in mille esemplari nel 1921, sesto centenario della prima edizione, con le stupende immagini dell’artista Amos Nattini; la Bibbia di Borso d’Este – rara riproduzione, con miniature realizzate tra il 1455-1461 da Taddeo Crivelli, che Giovanni Treccani Degli Alfieri realizzò in pochi esemplari nel 1961; la “Gerusalemme Liberata” di T. Tasso – con le splendide incisioni su disegno del pittore Gianbattista Piazzetta; “Il Decamerone” di Boccaccio – illustrato con immagini delle novelle dal Pittore Tito Lessi; Vasi di porcellana di Capodimonte; Fanciullo inginocchiato su cuscino – dell’artista Vincenzo Vela. Anche il Castello Aragonese, per l’occasione, sarà animato dalle iniziative organizzate dall’Associazione culturale Meissa che ha proposto all’Amministrazione di animare la giornata con momenti di intrattenimento per bambini legati all’arte. Gli orari di visita sono 8.30/13- 14.30/18. L’ obiettivo della giornata è di valorizzare non solo i musei e le aree archeologiche, ma anche i monumenti di carta, patrimonio altrettanto imponente e ricco, conservato e valorizzato in splendidi luoghi della cultura. “ Il 13 ottobre sarà occasione per vivere appieno gli spazi culturali della nostra Città – dichiara l’assessore alla Valorizzazione Irene Calabrò – con momenti di approfondimento culturali, di attività ludico-didattiche e sperimentali”. “Sarà un momento di condivisione per conoscere il patrimonio, librario e non, della nostra Biblioteca comunale, per valorizzare i tesori della Pinacoteca civica attraverso attività dedicate ai più piccoli ma destinati all’intera famiglia. Abbiamo voluto integrare il ventaglio di iniziative inserendo nel percorso anche il Castello Aragonese che domenica scorsa in occasione di “Domeniche al Museo” ha attestato le 1000 presenze”. Lamezia Terme metterà a disposizione dei curiosi i documenti in lingua spagnola conservati nella regia udienza provinciale. Mentre a Catanzaro il personale accompagnerà i visitatori nella mostra dedicata alle carte nautiche di Catanzaro, alla cartografia del Vigliarolo nell’epoca del vice regno spagnolo.
Ritorna in Calabria la manifestazione Domeniche di carta che, promossa dal Mibac Ministero per i beni e le attività culturali, apre le porte delle biblioteche e degli archivi statali. Per l’occasione in Calabria apriranno la Biblioteca comunale “P. De Nava” di Reggio Calabria; l’archivio di via Moro a Lamezia Terme; l’archivio di Catanzaro. A Reggio la struttura rimarrà aperta dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20, quando il personale della Biblioteca sarà a disposizione per guidare i visitatori alla scoperta del grande ed importante patrimonio custodito nella sede centrale e nella Villetta P. De Nava: il Codex Purpureus – risalente al VI sec. d.c. che contiene i vangeli di Matteo e di Marco; il Commentarius in Pentateuchum di RASHI – incunabolo, primo libro al mondo che reca data certa, stampato a Reggio Calabria nel 1475; la Divina Commedia – stampata in mille esemplari nel 1921, sesto centenario della prima edizione, con le stupende immagini dell’artista Amos Nattini; la Bibbia di Borso d’Este – rara riproduzione, con miniature realizzate tra il 1455-1461 da Taddeo Crivelli, che Giovanni Treccani Degli Alfieri realizzò in pochi esemplari nel 1961; la “Gerusalemme Liberata” di T. Tasso – con le splendide incisioni su disegno del pittore Gianbattista Piazzetta; “Il Decamerone” di Boccaccio – illustrato con immagini delle novelle dal Pittore Tito Lessi; Vasi di porcellana di Capodimonte; Fanciullo inginocchiato su cuscino – dell’artista Vincenzo Vela. Anche il Castello Aragonese, per l’occasione, sarà animato dalle iniziative organizzate dall’Associazione culturale Meissa che ha proposto all’Amministrazione di animare la giornata con momenti di intrattenimento per bambini legati all’arte. Gli orari di visita sono 8.30/13- 14.30/18. L’ obiettivo della giornata è di valorizzare non solo i musei e le aree archeologiche, ma anche i monumenti di carta, patrimonio altrettanto imponente e ricco, conservato e valorizzato in splendidi luoghi della cultura. “ Il 13 ottobre sarà occasione per vivere appieno gli spazi culturali della nostra Città – dichiara l’assessore alla Valorizzazione Irene Calabrò – con momenti di approfondimento culturali, di attività ludico-didattiche e sperimentali”. “Sarà un momento di condivisione per conoscere il patrimonio, librario e non, della nostra Biblioteca comunale, per valorizzare i tesori della Pinacoteca civica attraverso attività dedicate ai più piccoli ma destinati all’intera famiglia. Abbiamo voluto integrare il ventaglio di iniziative inserendo nel percorso anche il Castello Aragonese che domenica scorsa in occasione di “Domeniche al Museo” ha attestato le 1000 presenze”. Lamezia Terme metterà a disposizione dei curiosi i documenti in lingua spagnola conservati nella regia udienza provinciale. Mentre a Catanzaro il personale accompagnerà i visitatori nella mostra dedicata alle carte nautiche di Catanzaro, alla cartografia del Vigliarolo nell’epoca del vice regno spagnolo.

Article Categories:
In Calabria

Comments are closed.