Entusiasmo per l’avvio del nuovo anno scolastico: viaggio tra i banchi

Entusiasmo per l’avvio del nuovo anno scolastico: viaggio tra i banchi
riapertura scula

Ingressi separati, percorsi tracciati e obbligati, gel igienizzanti e mascherine non hanno fermato l’entusiasmo degli alunni degli istituti di istruzione secondaria di secondo grado di Catanzaro, che questa mattina hanno inaugurato il nuovo anno scolastico dopo oltre 7 mesi di stop forzato tra lockdown e pausa estiva.

Fuori scuola poco distanziamento, mascherine abbassate, abbracci. Dentro massima sicurezza.

Più di una mascherina abbassata, poco rispetto delle norme di distanziamento sociale, abbracci affettuosi, ma tanta voglia di tornare tra i banchi: per strada, al bar vicino scuola e all’esterno dei cortili dell’istituto: la situazione nel quartiere Lido di Catanzaro è esattamente questa e forse non era difficile immaginarlo. Una volta varcata la porta d’ingresso tutto cambia perché il lavoro certosino e intenso dei dirigenti scolastici e dei rispettivi collaborati non ha lasciato nulla al caso: dentro le mura di scuola la sicurezza è massima.

Al Fermi tutte le classi inaugurano l’anno in presenza, tante difficoltà ma obiettivo raggiunto.

“Siamo riusci ad inaugurare il nuovo anno scolastico garantendo le lezioni in presenza a tutte le classi, sia nelle sedi del nostro istituto che in quelle che abbiamo dovuto chiedere in aggiunta alla Provincia per garantire il distanziamento sociale – ha affermato Rita Agosto, Dirigente scolastico del Liceo E. Fermi del quartiere Lido – ci siamo organizzati con una didattica digitale integrata, tutti gli studenti delle prime e quinte classi seguiranno ogni lezione in presenza, mentre nelle altre classi, su turnazioni, piccoli gruppi di studenti alterneranno alla didattica in presenza quella in remoto. Abbiamo fatto un gran lavoro di squadra nonostante i problemi non dipendenti dalla nostra volontà – ha concluso – dobbiamo sistemare le ultime cose, attendiamo la consegna di materiale, ma siamo partiti e questo è l’impostante.”

Organizzazione impeccabile anche al Petrucci – Ferraris – Maresca.

Tra termoscanner con riconoscimento facciale per appurare che la mascherina sia indossata correttamente, termometri per rilevare la temperatura all’ingresso, infermeria adibita a sala Covid, lezioni di 45 minuti per garantire al massimo areazione dei locali e igienizzazioni, anche all’IIS Petrucci – Ferraris – Maresca tutto è organizzato secondo la normativa anti – contagio. Nella sede del quartiere Lido di Catanzaro il prof. Vincenzo Lamanna ha illustrato alla nostra redazione la precisa organizzazione dell’istituto per la sicurezza di studenti e personale scolastico.

“Abbiamo lavorato tutta la stagione estiva per realizzare un protocollo sicurezza che non lasciasse nulla al caso – ha precisato il dirigente scolastico Elisabetta Zaccone – siamo riusci a garantire la didattica in presenza a tutti gli studenti e abbiamo ospitato nelle nostre sedi anche classi dell’Istituto Agrario e dell’Istituto Don Milani. Qualora ce ne fosse bisogno siamo pronti anche ad attivare la didattica a distanza.”

Non si può vanificare l’impegno della scuola. Famiglie necessarie per sensibilizzare i ragazzi al rispetto delle regole non solo a scuola.

Tanto duro lavoro per le scuole che non può essere reso vano, va da sé che è necessaria in questo momento tanta disciplina anche fuori dall’ambiente scolastico: “Siamo partiti dandoci precise regole ma ora anche le famiglie devono fare la loro parte, abbiamo bisogno della loro collaborazione, sono loro che devono aiutarci in questo cammino che si basa sul rispetto delle regole per rivivere e garantire il diritto allo studio – ha proseguito il dirigente Zaccone che a poi concluso – ai miei ragazzi chiedo impegno, serietà e costanza nello studio, la cultura è l’arma più potente del mondo e l’uomo colto è uomo libero.”