I calabresi in Germania: nuove possibilità di sviluppo

I calabresi in Germania: nuove possibilità di sviluppo
Generico ottobre 2020

Si è svolto nei giorni scorsi un webinar internazionale sui temi dello sviluppo dei territori e del ruolo dell’Unione Europea. L’evento è stato coordinato  dall’ufficio stampa dell’ambasciata tedesca a Roma ed organizzato con l’EDIC Calabria&Europa di  Gioiosa Jonica.  Interlocutore privilegiato del confronto è stato  l’ambasciatore tedesco Viktor Elbling il quale ha dialogato  con i cittadini calabresi sulle tematiche europee. Fra gli interventi e le domande rivolte all’ambasciatore anche quelle proposte dai volontari dello Sportello Europa di Squillace:  Ilvana Zofrea, Gabriella Capicotto, Rita Lami; Giovanni Mellace, Marco Pavone e Lorenzo Giustiniani.

In particolare il gruppo dei volontari squillacesi ha sensibilizzato l’ambasciatore Elbling sul tema del coinvolgimento degli emigrati calabresi, residenti in Germania, in future iniziative di sviluppo da realizzare in Calabria, loro regione di origine. L’ambasciatore tedesco, nel manifestare apprezzamento per la tematica proposta, ha dato disponibilità per iniziative da realizzare in Germania, anche con la collaborazione delle associazioni di italiani in Germania, tra cui vi è una ampia  partecipazione di calabresi.

Al webinar hanno partecipato anche rappresentanti del mondo delle professioni e della formazione  tutti concordi nel sollecitare azioni in grado di valorizzare le risorse della

Calabria a partire dal capitale umano.  Il parere dell’ambasciatore sull’argomento è stato molto chiaro :  “molti sono i giovani italiani e calabresi  che si sono fatti strada fuori dai confini nazionali ed in Germania dove sono richiesti per i profili tecnici di alta specializzazione. E’ necessario- ha puntualizzato l’ambasciatore, che i giovani calabresi sfruttino al meglio le opportunità offerte dall’UE per fare esperienze di formazione-lavoro in altri stati membri e crescere con una moderna concezione dell’Europa. Il progetto Erasmus, che ha già permesso a tantissimi giovani di vivere e crescere all’estero, è una strada da seguire.  

L’assessore alla programmazione e turismo del comune di Squillace, il sociologo Franco Caccia è convinto dell’utilità del confronto di idee ed esperienze diverse.          Il ruolo dello Sportello Europa attivato nel nostro comune – ha precisato l’assessore Franco Caccia, è prima di tutto quello di essere promotore e connettore di conoscenze e di relazioni. Per accompagnare il nostro territorio verso nuove forme di sviluppo abbiamo bisogno di idee nuove e di alleanze forti.

L’azione di rafforzamento delle reti territoriali, su cui punta con decisione l’assessore Caccia,  è una strategia condivisa anche con  altri enti tra cui l’università Magna Graecia di Cz. Su proposta del Centro Ricerca Autonomie Territoriali Europee, operante all’interno dell’università del capoluogo  ed in collaborazione con la rappresentanza in Italia della Commissione europea,  nelle scorse settimane si è  tenuto  proprio a Squillace il Festival dello sviluppo sostenibile finalizzato ad più ampia conoscenza delle linee di azione dell’UE nel campo dell’economia verde . Stiamo vivendo una fase storica molto difficile-ha puntualizzato l’assessore Caccia–  ma dobbiamo riuscire a  sfruttare le lezioni apprese in questa fase di emergenza Covid, a cominciare dalla ritrovata centralità della comunità;  la valorizzazione delle relazioni umane, la tutela dei nostri ambienti naturali. Con questa nuova consapevolezza  possiamo costruire un diverso futuro per i nostri territori  in cui lo sviluppo non avrà il solo scopo di produrre un  reddito ma avrà una priorità ambiziosa: garantire  una diversa  qualità della vita.