Set 11, 2019
20 Views
Commenti disabilitati su IT: Capitolo Due, Easter Eggs, cameo e segreti del film

IT: Capitolo Due, Easter Eggs, cameo e segreti del film

Written by

IT: Capitolo Due, Easter Eggs, cameo e segreti del film

IT: Capitolo Due, Easter Eggs, cameo e segreti del film

IT: Capitolo Due è al cinema e, come ogni film tanto atteso, sta dividendo i fan, nonostante i numeri del botteghino siano incredibili, sia negli USA che in tutto il resto del mondo. Come ogni film tratto da materiale originale molto ricco, è normale che anche IT: Capitolo Due sia pieno di Easter Egg, cameo e segreti, riferimenti al testo di partenza e a tutto il mondo pop che è stato influenzato e che ha influenzato dalla storia.

Dai rimandi al Capitolo Uno, ai riferimenti nascosti al libro, fino alle citazioni da altri film, ecco una serie di Easter Eggs di IT: Capitolo Due:

Il ritorno di Adrian Mellon

Un cambiamento importante del film rispetto al libro è che nel film si insinua, senza però scendere troppo nei dettagli, che Richie nutrisse, da ragazzino, dei sentimenti romantici per Eddie, sentimenti che lui ha il terrore che vengano riportati alla luce.

Quando l’adulto Richie ritrova Pennywise a Derry, il villain allude al fatto che lui ha un segreto che non vuole svelare, quello che potrebbe essere sfuggito all’attenzione è il fatto che Adrian Mellon (il giovane omosessuale attaccato da un gruppo di omofobi all’inizio del film prima di essere ucciso dal clown), in versione zombie mangiucchiato da Pennywise, consegna un volantino al terrorizzato Richie.

Il puzzle di Stan

Stan ha solo un ruolo secondario in IT: Capitolo Due, visto che si toglie la vita a inizio film, subito dopo aver ricevuto la telefonata di Mike. Mentre nel romanzo sappiamo che le sue motivazioni sono legate alla paura e allo “schifo” di dover rientrare nelle fogne per affrontare il clown assassino, nel film sembra che si sia provato a nobilitare il suo gesto, quando viene reso noto che Stan si è ucciso per riportare insieme il Club dei Perdenti.

Gli osservatori attenti hanno notato che, quando Stan riceve la sua telefonata, è alle prese con un puzzle che raffigura degli uccelli. Chi ha letto il romanzo, sa che il personaggio ha la passione per il Birdwatching, cosa che nei film resta in secondo piano ma che nello show anni ’90 era ben raccontata. Gli uccelli sul puzzle possono essere senza dubbio un’indicazione per quello.

Gazebo

Quando diventa chiaro che il piano dei Perdenti di fermare Pennywise non funzionerà, il pagliaccio demoniaco prende in giro il gruppo di adulti e parla dell’effetto “placebo” del rituale utilizzato. Tuttavia, invece di dire Placebo, dice Gazebo.

Si tratta di un riferimento al primo film, a quando un Eddie arrabbiato con la madre, la rimprovera dopo aver appreso che le pillole che gli ha fatto prendere sono in realtà solo un placebo o, come erroneamente li chiama, un “gazebo”. La cosa terrificante di questo dettaglio è che evidentemente Pennywise stava guardando e ascoltando, e più che probabilmente influenzando le azioni della madre di Eddie.

Il rituale di Chüd

Quelli che non hanno letto il romanzo, potrebbero chiedersi da dove sia venuta l’idea del Rituale di Chüd, ma si tratta di qualcosa che è stata inventata da Stephen King stesso.

Tuttavia, la versione per il grande schermo è totalmente diversa, poiché tutto è stato reinventato e riscritto per il film. Nel libro, il rituale prevedeva che Bill viaggiasse verso una dimensione diversa e un Dio noto come Maturin la Tartaruga, quindi è facile capire perché sia ​​cambiato.

I poster nel club

Una scena molto bella del film vede i nostri eroi adulti ritrovare la club house sotterranea, costruita dal cicciottello Ben. Nella casetta si nota un poster di Lost Boys, il film del 1987 che racconta di un gruppo di ragazzi che fanno i conti con dei vampiri che invadono la loro città. Una specie di parallelismo abbastanza immediato con la condizione dei Perdenti che devono combattere contro il mostro che appesta Derry.

Parlando di film, il cinema che Richie visita ha appeso alle pareti un poster a brandelli di C’è posta per te, con Tom Hanks e Meg Ryan, che indica che forse il cinema è stato chiuso nel 1998.

Il cameo di Stephen King

Per motivi che non sono del tutto chiari, Stephen King si presta a un cameo lungo e leggermente imbarazzante in It: Capitolo Due, nei panni del proprietario di un negozio di antiquariato che rivende a Bill la sua vecchia bici. Visto che Bill nel film è anche uno scrittore alle prese con l’adattamento cinematografico del suo romanzo di maggiore successo, è possibile che la scena rappresenti un inside joke.

Quelle battute sui libri di Bill che hanno sempre un finale deludente sono chiaramente un riferimento a quello che la gente dice del lavoro di King. Un’autoironia davvero sopraffina!

La cosa

Nella scena della casa di Neibolt, la testa di Stan si trasforma in un ragno, con delle zampette che gli crescono dai lati. La disgustosa creatura comincia ad inseguire i Perdenti in una scena che ricorda da vicino La Cosa di Carpenter. La stessa cosa è successa alla testa di Vance Norris nel classico horror di John Carpenter. Si tratta di un riferimento così preciso ad un altro film che forse solo i fan di Carpenter possono averlo colto.

Qualche altro meta-cammeo

Il cameo di Stephen King è ovviamente evidente, ma non è l’unica apparizione degna di nota che il film offre. Quando l’adulto Eddie rivisita la farmacia in cui ha trascorso gran parte della sua giovinezza, uno dei clienti sullo sfondo è proprio Andy Muschietti, regista dei due film. Inoltre, prima che Bill arrivi a Derry, passiamo un po’ di tempo con lui sul set di un film e il regista che lo rimprovera è interpretato Peter Bogdanovich, regista nella vita reale, che sembra interpretare nessun altri che se stesso!

Inoltre, quando Ben tiene quell’incontro via Skype all’inizio, uno degli uomini in collegamento con lui è interpretato da Brandon Crane, l’attore che ha interpretato il ruolo del giovane Ben nella serie TV degli anni ’90, con Tim Curry nei panni di Pennywise il clown.

“Abbastanza veloce per battere il diavolo”

Nel romanzo, la bici di Bill, Silver, svolge un ruolo cruciale nella guarigione di Adua, la moglie catatonica (lei e il marito di Beverly sono stati completamente esclusi dal film a parte i loro brevi cameo all’inizio).

In It: Capitolo Due, tuttavia, c’è ancora un cenno al materiale originale quando Bill sottolinea che la sua bici d’infanzia è “abbastanza veloce da battere il diavolo”. Questa è una battuta presa direttamente dal libro.

La carriera da adulti dei Perdenti

Per la maggior parte, i lavori che i Perdenti svolgono da adulti rimangono invariati rispetto al libro. Vengono apportate lievi modifiche, ma Bill rimane uno scrittore, Bev è una stilista, Ben è un architetto e Mike è rimasto indietro a Derry per vegliare sulla città.

Tuttavia, Eddie si è trasformato da proprietario di una compagnia di limousine a un analista di assicurazione del rischio (che sicuramente sembra appropriato) e Richie ora è un cabarettista piuttosto che un DJ radiofonico. È interessante notare che anche la versione della serie TV degli anni ’90 è stata modificata in questo modo.

“Ecco Johnny!”

Durante la lunga battaglia finale tra i Perdenti e Pennywise, Bev si ritrova intrappolata in un gabinetto ed è terrorizzata da una serie di volti familiari del suo passato. Tra loro c’è Henry Bowers (un altro personaggio il cui ruolo è notevolmente ridotto nel film) che presenta in un modo che dovrebbe essere familiare ai fan di Stephen King.

Mentre Henry si fa strada attraverso la porta, grida “Ecco Johnny!”. Sembra un chiaro riferimento a Shining e alla battuta di Jack Nicholson.

La mamma / moglie di Eddie

Questa è davvero strana. L’attrice che interpreta la moglie di Eddie in It: Capitolo Due è interpretata dalla stessa attrice che ha interpretato sua madre nel primo film, Molly Atkinson. Si potrebbe pensare che sia una scelta insolita, ma il romanzo in realtà descrive la moglie di Eddie come un riflesso di sua madre e probabilmente dice molto sull’impatto che l’infanzia di Eddie ha avuto su di lui quando ha raggiunto l’età adulta.

The Overlook Hotel

Un tema ricorrente in questo sequel sono i tentativi di Bill di salvare un bambino da Pennywise. Alla fine, la sua missione fallisce, ma quando i due si incontrano, vicino allo scarico dove Georgie è stato ucciso, si noterà che lo skateboard del ragazzino presenta uno schema familiare.

Sebbene sia estremamente sbiadito, è lo stesso design iconico che adorna il tappeto dell’Overlook Hotel nell’adattamento per il grande schermo di Stanley Kubrick di The Shining.

Il ragno gigante

Proprio come nel romanzo, la battaglia finale vede Pennywise trasformarsi in un gigantesco ragno. La differenza qui, tuttavia, è che il mostro rimane parzialmente clown, e questo ovviamente lo rende meno minaccioso.

La differenza più grande è che la versione del libro di Pennywise diventa completamente un ragno e la sua tana è piena di uova che alla fine vengono distrutte. È anche chiaro che lui sia in realtà una donna, ed è effettivamente di nuovo incinta, pronta a una nuova covata malefica – qualcosa che rende la battaglia tra le forze del bene e del male ancora più vitale poiché c’è il rischio che nuove mostruosità vengano al mondo.

Christine

Ci sono alcuni cenni al lavoro di Stephen King in IT: Capitolo Due, ma due dei più degni di nota rendono omaggio a Christine – la macchina infernale. Per cominciare, la targa dell’auto demoniaca (CQB 241) si vede appesa sopra al bancone del negozio di antiquariato di proprietà del personaggio di Stephen King.

Poi, in un flashback che vede i Perdenti ragazzini, Eddie viene mostrato con una maglietta con sopra l’auto malvagia.

Cinefilos.it – Da chi il cinema lo ama.

IT: Capitolo Due, Easter Eggs, cameo e segreti del film

IT: Capitolo Due è al cinema e, come ogni film tanto atteso, sta dividendo i fan, nonostante i numeri del botteghino siano incredibili, sia negli USA che in tutto il resto del mondo. Come ogni film tratto da materiale originale molto ricco, è normale che anche IT: Capitolo Due sia pieno di Easter Egg, cameo […]

Cinefilos.it – Da chi il cinema lo ama.

Chiara Guida

Article Categories:
Cinema

Comments are closed.