Ott 8, 2019
22 Views
Commenti disabilitati su James Mangold presenta Le Mans ’66: “Solo il cinema può fotografare i pensieri”

James Mangold presenta Le Mans ’66: “Solo il cinema può fotografare i pensieri”

Written by

James Mangold presenta Le Mans ’66: “Solo il cinema può fotografare i pensieri”

James Mangold presenta Le Mans ’66: “Solo il cinema può fotografare i pensieri”

“Amo fare film ma credo che, semmai annoiassi i miei spettatori, rinuncerei a farli.” Esordisce così James Mangold, regista di Logan e Quando l’amore brucia l’anima, intervenuto a Roma dove ha presentato il suo ultimo film, Le Mans ’66 – La grande sfida, che racconta della rivalità tra le scuderie Ford e Ferrari nella fatidica gara e soprattutto dell’amicizia e della caparbietà dei due uomini che cambiarono la sorte della Ford: il costruttore Carroll Shelby (Matt Damon) e il pilota Ken Miles (Christian Bale).

Il film racconta un mondo delle gare e dello sport molto distante da quello che siamo abituati a conoscere oggi, visto che le corporazioni cominciavano a prendere il sopravvento sull’aspetto emotivo delle gare proprio in quel periodo: “Lo sport ora è una questione di azienda, negli anni Sessanta c’erano ancora dei valori. Ora non è più così – ha spiegato Mangold – E sia per lo sport che per l’arte vale la stessa cosa. Se fossi un pittore mi servirebbero degli sponsor, è una continua lotta tra cuore e industria e si sceglie di farne parte consapevoli di questo.”

Dopo aver diretto grandissimi attori nel corso della sua carriera, James Mangold si è trovato alle prese con due vere e proprie star, Bale e Damon, che, a dispetto del loro status hollywoodiano, gli hanno reso la vita abbastanza facile: “Entrambi amano il loro lavoro, e per loro non si tratta di essere delle star ma è essere attori, per cui per loro non fa differenza essere una star di Hollywood quando sei su un set ad interpretare un personaggio. Non ho molta pazienza e non mi dedico mai a soli due attori di un intero cast, che siano più grandi o più piccoli, per me sono tutti come dei figli, tutti allo stesso modo, anche i non protagonisti. Li conosco da tanto tempo entrambi e, per me, è stato come fare un film con degli amici.”

Le Mans ’66 – La grande sfida racconta un episodio storico documentato in tv, sui giornali, in radio e con tante foto, la sua ricostruzione, quindi, è stata un’operazione molto complessa, data la varietà di fonti: “Lo sforzo di ricostruire la vicenda storica è stato monumentale, perché ci sono state tante tante informazioni, documentari, lettere, cose private e pubbliche, registrazioni. Forse una delle cose più interessanti è stato a quella di ricreare i dialoghi privati. Christian ha trovato una registrazione di un’intervista, in cui Ken Miles spiega la sua filosofia della corsa, ed abbiamo usato quelle dichiarazioni per scrivere il dialogo tra Ken e il figlio, nella scena al tramonto, sulla pista. Lì lui spiega il rapporto tra auto e pilota e mi sembrava molto bello usare quel pezzo di dichiarazione pubblica per ricreare quel momento con il figlio.”

Uno degli aspetti più interessanti del film è certamente quello fotografico, laddove il Dop ha scelto di illuminare l’azione quasi sempre alla luce del tramonto: “Io e Phedon (Papamichael, direttore della fotografia, ndr) siamo carissimi amici, come Shelby e Miles nel film, abbiamo fatto cinque film insieme. Credo che per entrambi non conti qual è il film che stiamo facendo, l’obbiettivo è sempre quello di trovare la bellezza del personaggio. È quello che cerchiamo di fare sempre, è l’effetto speciale che non si può acquistare da un fornitore. Solo il cinema può fotografare i pensieri degli uomini, non le parole, i pensieri.”

Come ogni film sportivo che si rispetti, anche Le Mans ’66 – La grande sfida ha un aspetto tecnico molto interessante: “Il lavoro finale è un mix di montaggio, stunt, fotografia, per ottenere il risultato che ho avuto. Ho un grande team con cui lavoro da quasi vent’anni. CI prepariamo molto e facciamo dei test. Una delle mie più grandi sfide è stata come rendere allettante una cosa che io trovo noiosa, infatti mi annoio a guardare le corse automobilistiche. Quindi ho analizzato quello che mi annoia e ho cercato di raccontare quello che non mostrano le cronache sportive. Non so mai che succede dentro alle macchine, e questo ho provato a raccontare, i segreti dietro a tutto quello che vediamo in genere. In questo modo ho cercato di coinvolgere e di esplorare le emozioni delle persone che sono coinvolte nell’azione.”

Insieme a James Mangold, ha partecipato all’incontro stampa anche Remo Girone, che nel film interpreta Enzo Ferrari, una delle personalità italiane più amate e rispettate nel mondo: “Mangold è un grande direttore di attori, mi ha insegnato delle cose – ha spiegato Girone – Ha un occhio molto attento e si accorge subito se l’attore dà l’impressione di recitare e se lavora a favore della macchina da presa  o se è calato nel personaggio. Interpretare Ferrari è stato bello, è un personaggio talmente noto, nella storia italiana e nel mondo, che, sul set c’erano tanti piloti che guidavano le automobili vere, lì, e nessuno di loro mi conosceva come attore, ma quando hanno saputo che interpretavo Ferrari, hanno voluto fare una foto con me.”

Le Mans ’66 – La grande sfida, il cui titolo internazionale è Ford vs Ferrari, arriverà al cinema il prossimo 14 novembre, distribuito da 20th Century Fox.

Cinefilos.it – Da chi il cinema lo ama.

James Mangold presenta Le Mans ’66: “Solo il cinema può fotografare i pensieri”

“Amo fare film ma credo che, semmai annoiassi i miei spettatori, rinuncerei a farli.” Esordisce così James Mangold, regista di Logan e Quando l’amore brucia l’anima, intervenuto a Roma dove ha presentato il suo ultimo film, Le Mans ’66 – La grande sfida, che racconta della rivalità tra le scuderie Ford e Ferrari nella fatidica […]

Cinefilos.it – Da chi il cinema lo ama.

Chiara Guida

Article Categories:
Cinema

Comments are closed.