Ott 12, 2019
26 Views
Commenti disabilitati su Pediatri: un bimbo calabrese ha un’aspettativa di vita di 2 anni meno di un veneto

Pediatri: un bimbo calabrese ha un’aspettativa di vita di 2 anni meno di un veneto

Written by

Pediatri: un bimbo calabrese ha un’aspettativa di vita di 2 anni meno di un veneto

Dimmi dove nasci e ti dirò quanto vivrai. È questa in sostanza la “premonizione” circa l’aspettativa di vita dei bambini calabresi. Nel corso della XXXI edizione del Congresso nazionale in corso a Matera l’Associazione culturale pediatri ha infatti lanciato l’allarme affermando che il luogo di nascita potrebbe segnare il futuro di un bambini. Se Calabria e Veneto hanno, in proporzione, le stesse percentuali di popolazione, lo stesso non si può dire sulle probabilità di sopravvivenza. Perché la possibilità di non sopravvivere nei primi giorni di vita di un neonato calabrese è quasi doppia rispetto a quella di un suo coetaneo veneto. Se il Veneto è paragonabile alla Finlandia, la Calabria alla Grecia. Il neonato veneto dopo essere venuto al mondo e aver vissuto la sua prima settimana, ha una prospettiva complessiva di vivere 2 anni in più rispetto a un neonato calabrese. I piccoli nati in Calabria, nel corso della lora vita, sono costretti a scontrarsi con maggiori difficoltà rispetto ai bimbi veneti. Dalla possibilità di andare al nido (1 posto in Calabria rispetto ai 9 posti in Veneto e ai 24 in Emilia Romagna), alla deprivazione materiale che è doppia in Calabria rispetto al Veneto. Per poi passare all’abbandono scolastico, con probabilità doppia rispetto al Veneto. I dati sono stati forniti nell’ambito del progetto ‘Nascita’ (‘Nascere e crescere in Italia’), presentato al congresso, il cui obiettivo è quello di monitorare lo sviluppo fisico/cognitivo/psicologico, lo stato di salute e benessere di una coorte di nuovi nati, nei primi 6 anni di età, e valutare i potenziali fattori che possono influenzarli.
Dimmi dove nasci e ti dirò quanto vivrai. È questa in sostanza la “premonizione” circa l’aspettativa di vita dei bambini calabresi. Nel corso della XXXI edizione del Congresso nazionale in corso a Matera l’Associazione culturale pediatri ha infatti lanciato l’allarme affermando che il luogo di nascita potrebbe segnare il futuro di un bambini. Se Calabria e Veneto hanno, in proporzione, le stesse percentuali di popolazione, lo stesso non si può dire sulle probabilità di sopravvivenza. Perché la possibilità di non sopravvivere nei primi giorni di vita di un neonato calabrese è quasi doppia rispetto a quella di un suo coetaneo veneto. Se il Veneto è paragonabile alla Finlandia, la Calabria alla Grecia. Il neonato veneto dopo essere venuto al mondo e aver vissuto la sua prima settimana, ha una prospettiva complessiva di vivere 2 anni in più rispetto a un neonato calabrese. I piccoli nati in Calabria, nel corso della lora vita, sono costretti a scontrarsi con maggiori difficoltà rispetto ai bimbi veneti. Dalla possibilità di andare al nido (1 posto in Calabria rispetto ai 9 posti in Veneto e ai 24 in Emilia Romagna), alla deprivazione materiale che è doppia in Calabria rispetto al Veneto. Per poi passare all’abbandono scolastico, con probabilità doppia rispetto al Veneto. I dati sono stati forniti nell’ambito del progetto ‘Nascita’ (‘Nascere e crescere in Italia’), presentato al congresso, il cui obiettivo è quello di monitorare lo sviluppo fisico/cognitivo/psicologico, lo stato di salute e benessere di una coorte di nuovi nati, nei primi 6 anni di età, e valutare i potenziali fattori che possono influenzarli.

Article Categories:
In Calabria

Comments are closed.